ArticoliTurismo, Segni di ripresa non prima dell'estate,come lo scorso anno gli Italiani preferiscono vacanze fuori porta non lontani dalla propria abitazione.

Turismo: ancora tante incognite. Segni di ripresa non prima dell’estate

Ancora scarse le prenotazioni sui maggiori portali per la primavera. A prevalere è sempre il last minute

di Sticco Sergio

20 Aprile 2021


REUTERSRafael Marchante

4' di lettura


Difficile, ancora oggi, fare delle proiezioni precise su quali saranno i flussi turistici nel 2021. Il persistere dello stato di emergenza sanitaria, e le conseguenti restrizioni agli spostamenti, lasciano operatori e viaggiatori in una sorta di limbo, impattando in modo significativo sulla dinamica delle prenotazioni, solitamente già sostenute in questo periodo dell'anno.

Il ritorno degli stranieri in Italia


Il consuntivo dell'ultima settimana del mese di gennaio e la prima di febbraio registrato sulla piattaforma SiteMinder, per esempio, ci dice che il 30% di tutto il booking effettuato per gli hotel italiani riguarda soggiorni per il mese corrente. Una conferma, dunque, della tendenza, dominante nel 2020, che privilegia la scelta “last minute” della destinazione e della location. Rispetto ai mesi precedenti, per contro, molti viaggiatori stanno giocando d'anticipo (anche grazie all'avvio delle vaccinazioni su scala globale) e c'è chi ha addirittura riservato una struttura per dicembre e gennaio 2022.